COME SANTI SENZA MEMORIA

Interroghiamo la vita

cercando ragioni di sopravvivenza

tra le archeologie dell’anima.

Il frutto è maturo solo quando

arriva la poesia

a sciogliere le domande

e il senso, per poi legarlo in un inferno

in cui non si viene mai a capo del mondo,

ma si gela,

come santi senza memoria.

Gabriella Grande©,  2016 Riproduzione riservata

 

(Ph: Donatella Muggiu)

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...